Hume PDF

Sito per la preparazione scolastica di esami, interrogazioni, tesine, temi, esami di maturità e recuperi scolastici. Un valido aiuto per studenti e per tutti gli appassionati di letteratura, hume PDF e arte.


Författare: Frank Brosow.
David Hume ist ohne Zweifel einer der bedeutendsten Denker des englischen Sprachraums. Laut Schopenhauer ist aus einer Seite Hume mehr zu lernen als aus allen Schriften von Hegel, Herbart und Schleiermacher zusammen. Frank Brosow untersucht in seinem Band den gesamten Hume, etwa sein Konzept von Kausalität, seine Überlegungen zum Thema Freiheit und Determinismus, zu den Affekten, zum Sein- Sollen-Problem oder seine religionsphilosophischen Ansätze und bietet so eine vorzügliche Einführung in die zentralen Begriffe und Methoden der Hume’schen Philosophie.

L’empirismo di Hume David Hume conduce l’empirismo a una conclusione scettica: fondandosi sull’esperienza, che ha dei limiti, la conoscenza non può essere certa ma solo probabile. Le idee o pensieri: sono le copie sbiadite delle impressioni, i riflessi secondari, le immagini illanguidite. Solo le impressioni costituiscono i dati originari del nostro conoscere. Ogni idea o pensiero deriva da una corrispondente impressione e non esistono idee o pensieri di cui non si sia avuta precedentemente l’impressione.

Quella continuità che ci sembra giustificare il permanere di un io sostanziale è data solo dalle associazioni. L’associazione è un legame spontaneo tra 2 idee, che si stabilisce indipendentemente dalla nostra volontà. La contiguità nel tempo e nello spazio: es. Non sono fondate sul principio di non contraddizione ma sull’esperienza.

Critica del principio di causalità: Tutti i ragionamenti che riguardano realtà o fatti si fondano sulla relazione di causa ed effetto. La tesi fondamentale di Hume è che la relazione tra causa ed effetto non può essere mai conosciuta a priori, cioè col puro ragionamento, ma soltanto per esperienza: posto un fatto, nessuno può sapere cosa ne conseguirà prima di averlo effettivamente sperimentato. La causalità non esiste e allora perché noi abbiamo l’idea di causalità se nella realtà non esiste? Noi sperimentiamo certe successioni in modo costante tra 2 fenomeni. 2 fatti si associano, allora pensiamo che l’acqua sia causa dell’annegamento. Dunque il fondamento della nostra „credenza“ che tale relazione sia necessaria e valida anche in futuro è nell’abitudine. Esistono i fenomeni, le impressioni, tutto è un pulviscolo di impressioni.

This entry was posted in Kalender. Bookmark the permalink.